logo

News sulla professione

Superbonus ed Ecobonus: pubblicato il decreto sui "costi massimi specifici agevolabili”

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2022 è stato pubblicato il Decreto 14 febbraio 2022 del Ministero della Transizione Ecologica, previsto dal Decreto Antifrodi e successivamente dalla Manovra di bilancio.

Il documento definisce i "costi massimi specifici agevolabili" per alcune tipologie di beni necessari per l'esecuzione degli interventi agevolabili tramite detrazione fiscale (o cessione o "sconto sul corrispettivo").

Pur mantenendo invariati i massimali per ciascuna tipologia di intervento, così come definiti dal decreto "rilancio" o dalle altre norme di settore applicabili, tenendo fermi gli importi definiti dai prezzari, il decreto pone un vincolo alle attività di asseverazione della congruità delle spese per gli interventi, in relazione alla fornitura dei beni.

La misura è finalizzata a limitare l'aumento dei prezzi per materiali e prestazioni che, negli ultimi mesi, è diventato difficilmente controllabile. Tali prezzi saranno aggiornati annualmente dal MiTE.

Si segnala inoltre che la Regione Piemonte ha pubblicato a questo link l'edizione 2022 del prezzario regionale

Superbonus: necessario l'impegno di tutti per il ritiro delle nuove sanzioni relative alle asseverazioni

Le nuove previsioni sanzionatorie per le asseverazioni, previste dal comma 2 dell'art. 2 del DL antifrodi in materia edilizia approvato dall'ultimo Consiglio dei Ministri, hanno suscitato la forte preoccupazione dei professionisti tecnici italiani, poiché rischiano di creare nuovamente difficoltà insormontabili in grado di bloccare il processo dei bonus edilizi, in particolare quello del Superbonus.

Tale inasprimento appare infatti insensato, considerando che, proprio per il "110%" - per cui da sempre sono previste le asseverazioni dei tecnici abilitati - la presunta percentuale di frodi è, secondo l'Agenzia delle Entrate, del 3% sul totale degli importi e non si hanno notizie di responsabilità dei professionisti su queste né di dichiarazioni false o infedeli.

La nuova norma è sproporzionata per le sanzioni penali, peraltro "aumentate" in caso di dolo, e palesemente inapplicabile nonché incostituzionale anche per l'indeterminatezza delle possibili falsità connesse alla "omissione di riferire informazioni", che dovrebbero riguardare in maniera "rilevante" i requisiti tecnici del progetto.

Per queste ragioni, domenica 20 febbraio, la Rete Professioni Tecniche ha redatto un esaustivo "appunto" sullo stato dell'arte della problematica e, nella giornata di ieri, ha inviato una nota al Premier Mario Draghi contenente la richiesta del ritiro delle nuove sanzioni inerenti alle asseverazioni.

Parallelamente la FIOPA ha avviato un'azione di sensibilizzazione sul tema verso le forze politiche piemontesi e l'Ordine torinese si è celermente attivato per coordinare le numerose istituzioni piemontesi che, lo scorso novembre, hanno sottoscritto l'appello "Decreto antifrodi: necessari i controlli, ma no alla retroattività delle nuove misure", che ha ottenuto un'ampia eco mediatica.

Il medesimo Ordine invita inoltre tutti i suoi iscritti a supportarlo concretamente in future azioni pubbliche, per difendere il proprio diritto al lavoro e la propria dignità.

Scarica DL antifrodi

Scarica appunto RPT

Scarica comunicato stampa RPT

Corso PNRR e fondi europei

Formare "recovery plan specialist" e, più in generale, "esperti di fondi europei" attraverso un percorso formativo sui fondi UE che possa essere di ausilio nella professione, soprattutto in virtù del fatto che, nei prossimi anni, una parte maggioritaria delle risorse finanziarie del sistema economico italiano proverrà dal bilancio dell'Unione Europea. Questo lo scopo precipuo del corso, a carattere oneroso ed erogante CFP, "PNRR e Fondi europei: opportunità, procedure di accesso e modalità di progettazione", organizzato dall'Ordine e dalla sua Fondazione da lunedì 4 aprile a lunedì 16 maggio 2022, in modalità FAD sincrona.

Un ciclo di eventi formativi di strettissima attualità, considerando che per la gestione e l'attuazione degli investimenti previsti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ma anche nei Programmi Operativi Regionali (POR) e Nazionali (PON), serviranno migliaia di professionisti e tecnici specializzati anche fra gli iscritti agli Ordini Professionali.

Il corso, tenuto dall'ingegner Mauro Cappello, docente all'Università della Tuscia, è rivolto a tutti i professionisti che seguiranno i progetti finanziati dal Piano sia dal punto di vista del tecnico dipendente della pubblica amministrazione sia da quello del libero professionista consulente e progettista.

Scarica programma

Per maggiori informazioni e iscrizioni clicca qui

Corsi AEDES

La Struttura Tecnica Nazionale (STN) sta predisponendo un elenco di tecnici interessati a partecipare ai corsi Aedes in programma per l'anno 2022.

Di seguito il modulo di iscrizione per la manifestazione di disponibilità a frequentare il suddetto corso e la sottoscrizione dell'impegno ad iscriversi alla Struttura Tecnica Nazionale.

Ad oggi non sono stati ancora definiti i costi da sostenere a carico degli interessati, è stato stabilito solo che il percorso formativo sarà di 60 ore, in conformità al DPCM 8 luglio 2014, con obbligo di frequenza minima (80%) e di partecipazione (100%) alle esercitazioni/verifiche finali.

La manifestazione di interesse, corredata di documento di riconoscimento, dovrà essere trasmessa via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. che provvederà a inoltrare i dati raccolti alla STN, nel rispetto della vigente normativa sulla privacy.

Scarica modulo

Proroga scadenze in materia di sicurezza antincendio

A seguito della proroga della scadenza dello stato di emergenza epidemiologica COVID-19 al 31 marzo 2022, il CNI, attraverso la circolare n. 836/XIX Sess./2022, segnala la proroga delle scadenze in materia di sicurezza antincendio.

Tutti gli atti in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 marzo 2022 conserveranno la loro validità per i novanta giorni successivi alla data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. Sono comprese le scadenze dei quinquenni di riferimento per l'aggiornamento obbligatorio dei professionisti antincendio (in scadenza naturale tra il 31 gennaio 2020 e il 31 marzo 2022), la cui durata potrà essere differita a 90 giorni successivi alla data di cessazione dello stato di emergenza (quindi, al 29 giugno 2022).

Nella medesima circolare il CNI precisa i criteri di estensione della durata dei quinquenni di riferimento per l'aggiornamento obbligatorio dei professionisti antincendio e annuncia il varo definitivo della piattaforma ANPA (Anagrafe Nazionale dei Professionisti Antincendio) prima di giugno 2022, azione recentemente richiesta al CNI dall'Ordine torinese.

Tramite la piattaforma, studiata per offrire una gestione più agevole e automatizzata degli elenchi dei professionisti antincendio, le nuove date di scadenza dei quinquenni di riferimento potranno essere gestite automaticamente dal sistema, senza impegno a carico degli Ordini.

Scarica circolare CNI

Scarica richiesta Ordine Torino

PNRR: iscrizioni per ingegneri e architetti all'elenco telematico della Città metropolitana di Torino

In vista dell'avvio dei progetti del PNRR, tutti gli ingegneri e gli architetti interessati a ottenere incarichi professionali dalla Città metropolitana di Torino e dai Comuni del territorio convenzionati dovranno essere iscritti all'elenco telematico degli operatori economici.

Per le procedure negoziate gestite direttamente da Città metropolitana e per quelle delegate - quale stazione unica appaltante dai Comuni convenzionati - è stato infatti costituito un elenco dal quale selezionare gli operatori economici qualificati per l'affidamento dei servizi di ingegneria e architettura.

La procedura d'iscrizione per l'aggiornamento dell'albo è aperta sino al prossimo 17 marzo all'indirizzo https://app.albofornitori.it/alboeproc/albo_cittametropolitanatorino 

Per conoscere le prestazioni rientranti e le categorie interessate clicca qui

Ogni professionista è chiamato a indicare esattamente categoria, opere, prestazioni e sotto-prestazioni con relativa fascia d'importo per cui richiede l'iscrizione (tali fasce arrivano sino a 215mila euro).

Gli Ordini professionali e i professionisti interessati possono richiedere maggiori informazioni alla Direzione centrale unica appalti e contratti della Città metropolitana: tel. 011.8616085; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

Questa opportunità rappresenta un esempio concreto della sinergia creata negli anni dall'attuale Consiglio dell'Ordine, in collaborazione con altre realtà ordinistiche torinesi, con le più prestigiose istituzioni del territorio: un plus a vantaggio di tutti gli iscritti e, di conseguenza, dell'intera collettività.

Sondaggio di "Ingenio"

Anche quest'anno la testata "Ingenio" ha realizzato un sondaggio destinato ai professionisti per indirizzare al meglio la sua attività editoriale.

Il sondaggio è assolutamente anonimo e la compilazione richiede circa un minuto: non vi è quindi traccia di chi l'abbia compilato.

Al termine del sondaggio - aperto sino al prossimo 31 gennaio - l'editore di "Ingenio" condividerà i risultati con le realtà che vi avranno partecipato: tali risultati potranno essere utili anche ai fini di una programmazione dell'attività formativa.

Gli iscritti interessati a partecipare al sondaggio dovranno semplicemente collegarsi al link https://docs.google.com/forms/d/1nsAEhUJ27ODtPEnU0v7sQqCFBLRO2s_MrzRx3UsFcNE/edit#responses 

Autocertificazione aggiornamento informale e riconoscimento altri CFP informali e formali relativi al 2021

Attraverso la circolare n. 819/XIX Sess./2021, il CNI anticipa le modalità per la presentazione dell'autocertificazione dell'aggiornamento informale legato all'attività professionale dimostrabile svolta nel 2021 (art. 5.2 Testo Unico 2018).

Il documento sarà inoltrabile a partire dal 10 dicembre 2021 e sino al 31 marzo 2022, esclusivamente attraverso il modulo presente all'interno della piattaforma www.formazionecni.it, alla voce "Richiesta CFP" (si ricorda che per presentare l'autocertificazione è necessario essere registrati/registrarsi su www.mying.it, il portale di accesso unico ai servizi della Fondazione CNI).

Sempre a partire dal 10 dicembre 2021 e sino al 31 marzo 2022 sarà possibile inviare la richiesta per il riconoscimento degli altri CFP informali (art. 5.3 Testo Unico 2018) connessi alle pubblicazioni e alle altre attività qualificate nell'ambito dell'Ingegneria svolte nel corso del 2021.

Infine, si rammenta che sino al 31 gennaio 2022 sarà possibile presentare domanda per il riconoscimento dei CFP formali (dottorati, master, insegnamenti universitari di cui all'Art.6 Testo Unico 2018) e per esoneri (art. 11 Testo Unico 2018) relativi al 2021.

Scarica circolare

Superbonus: il grido d’allarme degli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti di Torino si allarga ad altri Ordini, Collegi, Federazioni professionali e Associazioni di categoria torinesi e piemontesi

Il cosiddetto "Decreto antifrodi" (DL 157/2021), in vigore dallo scorso 12 novembre, è nato, con attuazione retroattiva, per far fronte al grave problema degli abusi verificatisi con l'introduzione delle agevolazioni edilizie, non tenendo però in considerazione le conseguenze pratiche per professionisti, sempre meno interpellati dagli organi decisionali, e imprese.

Un'ulteriore criticità per gli addetti ai lavori che trasforma sempre più il Superbonus da grande opportunità a totale caos.

Clicca qui per maggiori dettagli sul grido d'allarme e sulle richieste al Governo degli Ordini, Collegi, Federazioni professionali e delle Associazioni di categoria torinesi e piemontesi.

Corsi aggiornamento TCA

Il Consiglio dell'Ordine, ricorda che - secondo le vigenti disposizioni di legge - i Tecnici Competenti in Acustica (TCA) sono tenuti a seguire 30 ore di formazione specifica in 5 anni, adempimento deve essere obbligatoriamente distribuito in almeno 3 anni dalla data di iscrizione (Allegato 1, punto 2 del D.Lgs 42/17), pena sospensione/cancellazione dall'elenco ministeriale dei TCA.

La data di iscrizione può essere verificata cliccando qui

Tutti i corsi sono specificamente autorizzati dal Ministero dell'Ambiente e dalle Regioni in cui vengono svolti e reperibili nella sezione corsi del portale ENTECA (clicca qui).